Anisn Lombardia

Prof. Benenti Mario
Prof.ssa Castoldi Marialuisa
Liceo Scientifico A. Maserati di Voghera (PV)

Nel 2008-2009 abbiamo aderito con una seconda e con le terze del Liceo Scientifico tecnologico ad una proposta giunta a noi del Maserati via web ma sponsorizzata anche dal Museo di Storia naturale di Voghera di partecipare ad un campionamento della chiocciola di Darwin, la Cepaea nemoralis, insieme ad altre scuole e Università di tutta Europa e di mettere i dati raccolti in un apposito sito web gestito in Italia dall’Università di Ferrara per fare un monitoraggio europeo.


L’obiettivo del monitoraggio era quello di contare quanti individui sono presenti in un dato ambiente, di che colore sono e quante bande presentano: il colore può essere giallo, rosa o marrone, le bande possono essere nessuna, una o più di una. Queste caratteristiche sono correlate all’ambiente perché permettono alla chiocciola di mimetizzarsi e sfuggire agli uccelli predatori soprattutto tordi e gazze oltre a ricci, topi e toporagni. La variazione delle caratteristiche negli anni potrebbe essere una dimostrazione dei cambiamenti climatici qualora ci fosse un aumento dei fenotipi chiari.





Obiettivi:

1. fare didattica in modo attivo mediante osservazioni, campionamenti ed escursioni
2. studiare l’evoluzione in atto, la cosiddetta evoluzione nel giardino e contribuire a monitorare variazioni accumulate in lunghi periodi di tempo in concomitanza con i festeggiamenti del bicentenario Darwiniano.
3. Verificare l’ipotesi dei cambiamenti climatici attraverso i cambiamenti nel tempo delle caratteristiche delle popolazioni delle Cepaee
4. Il promotore era una Università inglese per cui abbiamo colto l’occasione per fare lo studio delle istruzioni e della biologia delle chiocciole in lingua inglese con un percorso CLIL per una classe seconda di Liceo tecnologico.





FASI:

1. studio della Biologia della Cepaea e soprattutto della morfologia utile per il riconoscimento
2. scursione al Parco “Le Folaghe” di Casei Gerola per catturare il nostro campione, classificazione e conteggio degli esemplari
3. inserimento dei dati nel sito Evolutionmegalab
4. divulgazione dei risultati a Scienza Under18



ESERCITAZIONI PER IL RICONOSCIMENTO DELLA CEPAEA:

Le istruzioni fondamentali riguardavano il riconoscimento degli adulti (senza ombelico) e la distinzione fra Cepaea e altre chiocciole (le Cepaee hanno il labbro marrone)







GENETICA DELLA CEPAEA:

La genetica è un po’ complessa, ma la versione semplificata è la seguente: il colore della conchiglia è controllato da un locus genico chiamato C, con tre alleli marrone, rosa e giallo, in ordine decrescente di dominanza (marrone > rosa > giallo).


Un altro locus chiamato B ha due alleli che controllano la presenza / assenza delle bande (assenza è dominante sulla presenza). I locus C e B sono due loci in linkage, ovvero posizionati non troppo distanti sullo stesso cromosoma.



Figura 3: tipi di Cepaea

Un terzo locus chiamato U, non in linkage con C o B, presenta due alleli: uno che determina la presenza di una sola banda centrale e uno la presenza di 5 bande. Il primo allele è dominante sul secondo.
Semplice esercizio di Genetica: incrociare un individuo marrone (b sta per brown) per uno giallo (dy sta per dark yellow) trascurando il colus B e il locus U.


Risulta un rapporto 3:1


ATTIVITA’ SPERIMENTALE:

Il giorno 18 aprile 2009 siamo andati al Parco delle Folaghe di Casei Gerola (PV) con circa 40 studenti (oltre alla classe del progetto hanno aderito altri studenti di altre classi). Il tempo dedicato è stato un sabato mattina dalle ore 10 (dopo l’intervallo) alle ore 13,30. In una prima fase muniti di cestini o borse di plastica gli studenti si sono dispersi per cercare le chiocciole. In una seconda fase i campioni catturati sono stati contati e classificati in base ai parametri previsti.







RISULTATI DEL CAMPIONAMENTO (tabella elaborata dalla classe del CLIL):



Alla fine del progetto ci siamo registrati e abbiamo inserito il nostro record nel sito Evolutionmegalab.org: è
comparso il nostro segnaposto:



Figura 7: segnaposto


Figura 8: dal segnaposto al record



CONCLUSIONE:

Il progetto ha avuto portata notevole, ha coinvolto la lingua straniera e la partecipazione di molti genitori nell’escursione e di alunni di altre classi. L’elaborazione dei dati e il loro inserimento in una banca dati comune è stata una novità stimolante per gli studenti. L’esperienza secondo noi è da ripetere nel Liceo Scientifico ad opzione Scienze applicate e può essere esteso ad altre scuole.



Il progetto ha avuto uno spazio nella sezione di Scienze di Repubblica.it al seguente link:


http://www.repubblica.it/scienze/2011/05/08/news/evoluzione_chiocchiole-15765493/index.html?ref=search
http://www.evolutionmegalab.org/it